GIAMBATTISTA MARCHETTO | Le danze folk esprimono un’identità collettiva che nelle feste di paese trova forse la massima celebrazione, ma che si astrae – quasi distillandosi nella ricerca filologica – nella riproposizione sul palcoscenico. È questa l’operazione che compie con zelo la compagnia croata Lado, la cui riproposizione delle danze popolari tradizionali del Paese balcanico è allo stesso tempo un esercizio teatrale di grande complessità e un omaggio alle sedimentazioni di significati che quei movimenti hanno portato nella cultura popolare per secoli.
Quando uomini e donne entrano in scena indossando i costumi della regione orientale del Baranja, brandendo grandi falci e piccoli falcetti per le rifiniture, la coreografia complessa e i canti intonati all’unisono (con cori alternati per genere) restituiscono in maniera potente la rappresentazione iconica di una vita agreste comunitaria. E altrettanto suggestiva, nelle emozioni e nei rimandi iconografici, è la Podravski svati: dal nord-est della Croazia, mescolando una molteplicità di costumi raffinati e colorati, i danzatori celebrano simbolicamente i riti matrimoniali tra canti e danze. Le musiche trascinano il pubblico, come è giusto che sia visto che dietro ogni danza c’era una festa.

LADO danza tradizionale Croazia Sono molto simili ad altre coreografie dell’area slava il Bunjevačko momačko kolo, dal nord-ovest della Vojvodina, e il Vrličko kolo dalla Dalmatinska zagora, riconosciuta come patrimonio intangibile dell’umanità dall’Unesco, entrambe caratterizzate dal ritmo intenso dei passi (soprattutto maschili), così come la diffusissima Drmeš. Accompagnati da un ensemble strumentale diretto da Bojan Pogrmilović, danzatrici e danzatori portano in scena un ampio ventaglio di movimenti eseguiti con precisione e sapienza, calibrando ogni spostamento e ogni sguardo, la stretta di un abbraccio e lo slancio verso il gruppo. E a giudicare dai sorrisi con cui si esibiscono, sembrano vivere la mise en espace con divertita eleganza, coinvolgendo il pubblico in un rito collettivo che rimanda al fascino di gesti antichi capaci di comunicare una civiltà non molto lontana nel tempo eppure quasi remota dopo il “secolo breve” che ha accelerato il passo.

@gbmarchetto

CROATIAN ANTHOLOGY

produzione LADO – National Folk Dance Ensemble of Croatia, Zagabria
direzione artistica  Andrija Ivančan
direzione musicale  Bojan Pogrmilović

Obecni Dum, Praga (CZ)
24 gennaio 2020

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here