PAC | Ci siamo. E ci siamo in una forma nuova, autonoma, sganciata da altri premi e con una formula che ha il suo indubbio interesse. L’edizione 2016 del Premio Rete Critica (la sesta), sarà ospitata dal Teatro Stabile del Veneto a Padova. Nei giorni 13 e 14 dicembre si terrà la fase finale al Teatro Verdi e nel ritrovato spazio del Cinema Excelsior.

finaleretecritica

Per la prima volta nella storia dal Premio i giurati si riuniscono per vedere congiuntamente il lavoro delle compagnie finaliste, presenti a Padova con lo spettacolo in gara o con uno spettacolo rappresentativo del loro percorso artistico. Ricordiamo i candidati in lizza per il miglior spettacolo:

Giuliano Scarpinato con Fa’afafine;
Anagoor con Socrate. Il sopravvissuto (sostituito per motivi tecnici da L’Italiano è ladro);
Piccola Compagnia Dammacco con Esilio;
Oscar De Summa con Trilogia della provincia (rappresentata da Stasera sono in vena).

Verranno assegnati anche i riconoscimenti per le altre due categorie che dall’edizione 2014 arricchiscono il Premio Rete Critica:
migliore progetto di comunicazione, candidati:

Short Theatre – Roma;
Tournée da bar – Davide Lorenzo Palla;
Terreni Creativi – Kronoteatro/Abenga.

migliore progetto organizzativoPremio Sandra Angelini, candidati:

Santa Estasi – Antonio Latella per ERT;
Efestoval – Festival dei Vulcani a cura di Mimmo Borrelli;
Zona K – Milano;
Carrozzerie n.o.t. – Roma.

Il raduno delle 29 testate di critica teatrale on line accoglierà anche uno spazio di riflessione su “La funzione pubblica del Teatro”, un’occasione pubblica dove si incontreranno diversi protagonisti del mondo teatrale italiano: artisti, critici, operatori culturali e spettatori.

Cosa pensate di queste candidature?

Ditecelo, e nel frattempo vi lasciamo in attesa del rullo di tamburi che decreterà i vincitori 2016.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here