Foto di Ilaria Costanzo
Foto di Ilaria Costanzo

RENZO FRANCABANDERA | Era dalla performance al Dance Base durante il Festival di Edimburgo del 2010 che non incontravo Pere Faura, uno dei più allegri e istrionici “animali da palcoscenico” incrociato in questi anni.

Fautore di un’arte accessibile ma intrigante, il giovane danzatore performer, formatosi ad Amsterdam e ora tornato a Barcellona, si fa interprete di un linguaggio in cui la multimedialità e l’interazione con il pubblico condiscono momenti spettacolari al passo con il linguaggio e i segni del contemporaneo, con gli equivoci e le allitterazioni, le metonimie e i controsensi del nostro tempo.

Il lavoro proposto di recente a Contemporanea Prato indaga uno spazio di ricerca particolarmente vicino alle questioni di significante e significato a cui PAC ha deciso, con leggerezza, di votarsi. Abbiamo quindi incontrato, nella video intervista che proponiamo oggi e registrata a Prato, sia Pere Faura che Iñaki Alvarez, coautore dell’ultima proposta in tournèe in Europa, Diari d’Accions.

Ma davvero viviamo in un mondo a senso unico? C’è ancora spazio per il doppio senso, o per l’inversione di marcia?

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=N0giYf3-UUc&w=420&h=315]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here