NUN SE POTREMO PIÙ PASSA’ E CANNE…
di Francesco Michele Laterza
(Foto di Regina Del Toro)

Facciamo i bravi e finalmente potremo tornare ad abbracciarci!
L’ho sentito di’ ar presidente der consiglio, l’ho sentito di’ a mi padre, l’ho sentito di’ a mi zia. E l’ho sentito di’ pure ar fruttarolo che co’ sta faccenda da’ quarantena s’era messo a venne i broccoli allo stesso prezzo der caviale e che quindi a me, tutto sommato, tanto bravo nun me pareva.
Ma lasciamo perde.
Nonostante er fruttarolo, però, a terapia pare che funziona: er contagio diminuisce e la gente può finalmente tornare a placare quella ormai insopportabile sete devastante de aperitivo di cui è stata vittima innocente nel deserto dei mesi appena passati.
Ma ce stanno cose che non torneranno mai più come prima. Piccole grandi abitudini destinate a estinguersi come se so estinti i dinosauri nel cretaceo paleocene.

Ce sta na questione, per esempio, che negli ultimi giorni mi ha gettato in un grandissimo sconforto sollevando in me profonde inquietudini e domande a cui nessuno, e dico nessuno, sembra interessato a rispondere:

D’ora in poi nun se potremo più passa’ e canne.

Ora in tutta onestà, chi di voi, quando sarà passata la pandemia sarà disposto a metterse in bocca na canna da cui ha fumato n’ altro?
Posso capì a fidanzata, posso capì tu fijo o tu fija si te fumi e canne coi tuoi figli. O tu madre e tu padre si te fumi e canne coi tuoi genitori.
Ma coll’ amici ar parchetto che fai?
E cogli amici degli amici con cui farse na canna era n’ occasione pe diventa’ amici?
L’impatto de sta faccenda sul nostro benessere sociale me pare più che evidente.
E anche se tu e gli amici tua ve ne fregate altamente, comunque non potrai fa’ a meno de pensa’ nell’istante stesso in cui te metti a canna in bocca che forse forse stai a fa’ na cazzata de cui te ne pentirai amaramente, rischiando magari complicazioni che te affliggeranno per il resto da’ vita tua.
Bella rottura de cojoni.

Io credo che fumarse na canna in gruppo è un fatto ancestrale, na’ robba che se fa dai tempi de li uomini primitivi. Se mettevano attorno ar foco, magnavano, se dicevano cosa avevano fatto durante er giorno e nel frattempo se passavano a canna.
Tutti per uno, uno pe’ tutti.
Come i moschettieri d’er re co’ Dartagnan. Tanti individui, un solo cannone. Oppure in tempi de grassa anche tre o quattro o cinque spinelli che girano in direzioni opposte e contrarie. Era un modo pe fa’ comunità, pe collega’ er gruppo ai movimenti cosmici de l’universo e pe sentirse parte di un stesso destino.

A verità è che saremo sempre più soli. Specialmente noi fumatori.
A verità è che dopo sto virus nun ce saranno più i giri della morte; nun c’è sarà più cicileo-leo; nun c’è sarà più l’amico tuo che te chiede si te sei magnato er pollo prima de fuma’ visto che nun passi sta cazzo de canna; nun c’è sarà più er sacro rituale d’onore che io la giro e tu l’accendi perché te rispetto, ma poi me fai fuma’ pe’ secondo pe’ ricambia’ a cortesia. Nun ce saranno più i cylum in compagnia e nun ce saranno più manco i carciofi fatti co’ a cinta, o i mega cannoni cor filo de ferro pe’ lle grandi occasioni, o i baffi a due o tre punte. Il che mi fa pensare che tutta sta faccenda avrà significative conseguenze pure sul talento ingegneristico delle nostre menti migliori.

Dove andremo a finire me chiedo io?
Seduti a solita panchina der solito parchetto, ognuno a fuma’ pi’ cazzi suoi.
Rigorosamente a un metro de distanza.

Ma devo essere sincero: non è tanto er metro de distanza che me preoccupa. Al massimo se pijeremo na panchina in più con la conseguenza che ce toccherà pure de litiga’ co’ a comitiva de fianco pe’ la supremazia sul territorio. Ma tanto co sta cosa da’ a paura der contagio nun se potremo manco mena’ quindi er problema non sussiste.

Ciò che me preoccupa è n’altra spinosa faccenda: me volete di’ in che condizione mettemo quell’uno tra di noi che quer giorno nun c’ha er fumo?
Perché uno che nun c’ha er fumo ce sta sempre.
E quell’uno magari è uno che ha appena staccato de lavora’ e se sente stanco come er cavallo de Napoleone dopo la battaglia de Marengo. L’unica boccata d’aria che se può permette è na boccata de fumo con gli amici prima de torna’ a casa da’ a fidanzata che lo aspetta con ansia per riempije a testa co’ tutta una serie de cazzi a cui sto cristo in croce ha cercato de nun pensa’ pe’ tutto il tempo in cui ha servito pastasciutte e brasciole ar ristorante nelle ultime otto lunghissime ore della vita sua, e tu che fai???
O’ metti nella condizione umiliante de chiede agli amici si je regalano na canna.
Ma ve pare normale?
È chiaro che a un amico vero na canna nun se risparmia mai, ma quando se poteva fuma’ tutti insieme appassionatamente nun c’era da chiede niente. I tiri tua te spettavano per diritto!

Adesso invece ognuno se deve smazza’ li cazzi sua. E se un giorno rimarrai senza fumo, vuoi perché nun c’avevi i sordi pe’ comprallo, vuoi perché er pusher t’ha mollato a secco, vuoi perché nun se sa perché, nun te resta che elemosina’ pe’ no spinello e fa’ affidamento sur buon cuore de l’amici tua.

Oppure, non fumare. Rimane’ a guarda’ gli altri che se sconvolgono a più non posso e fare finta che a te oggi nun te va. Che hai deciso de diminuì perché “vuoi prenderti una maggiore cura del tuo corpo e del tuo spirito”. Inventarte tutta una serie de fregnacce pe’ coprì il fatto che te vergogni che nun c’ hai er fumo pe’ farte a canna tua.

Questo è quello che ci aspetta. Un mondo de solitudine e de omertà. Un mondo de bugie e di egoismo.

Quanto durerà tutto questo, me domando. Per quanto tempo saremo costretti a rinunciare ar sacro e democratico rito della canna che gira per salvarce dar rischio de rimane’ contagiati?

Nel frattempo sto governo spende na parola per tutti e nessuna per noi fumatori che semo sempre più bistrattati e ghettizzati. Nun ce sta uno straccio de dritta ministeriale su come gestì a situazione, nun ce sta un bonus per la salvaguardia del fumatore meno abbiente. Nun ce sta niente. Niente de niente. Noi nun esistemo.

Ma ricordateve na cosa: se crollamo noi, crolla tutto il resto.
È er cosiddetto “butterfly effect”. È questo il vero virus che prima t’ammazza n’abitudine e pian piano te sconvolge tutto er sistema. Oggi nun se potemo passà a canna, domani nun se potremo manco di’ buongiorno e bonasera.
Il passo è breve, vo’ dico io, il passo è breve.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here