fbpx
lunedì, 23 Maggio, 2022
Tags Vincent Longuemare

Tag: Vincent Longuemare

Guarda come nevica: l’ipertrofia del cuore nella trilogia di Licia Lanera

ROSSELLA PICCARRETA | «Se il cuore interrompe il suo lavoro, anche tutto il resto si atrofizza, diventa superfluo, inutile» dice Majakóvskij in una lettera...

Al Teatro Kismet la forza della parola femminile: Un’ultima cosa di De Gregorio e Ludovico

ROSSELLA PICCARRETA | «I primi mesi di vita e gli ultimi si toccano come in un cerchio, sono il varco da cui si entra...

Farfalle: Aldrovandi e l’indagine su un interno femminile crudele

RENZO FRANCABANDERA | Questa prima italiana di Farfalle, andata in scena all'Arena del Sole – cui sono seguite le date modenesi allo Storchi in ragione...

Guarda come nevica / Cuore di cane: prima parte della trilogia russa della Compagnia Licia Lanera

MONICA VARRESE | Nel maggio del 1926 la polizia segreta sovietica (GPU) effettua una perquisizione in casa dello scrittore Michail Bulgakov e sequestra Cuore...

Di questi tempi bui. L’Anfitrione camorrista di Teresa Ludovico

MONICA VARRESE | La scena è buia, spoglia. Niente quinte, tutto a vista. Ci sono solo cinque grandi specchi, uno accanto all'altro. Una scena...
- Advertisment -

Most Read

A Milano il primo festival partecipato: Back to the future! al quartiere Adriano

ELENA SCOLARI | Chi non conosce il quartiere Adriano di Milano (zona Crescenzago) avrà ora un'ottima occasione per visitarlo e viverlo: dal 27 al 29...

Disturbi ossessivi e la pratica come miglior insegnante: Officine Guitti porta in scena Toc Toc

SARA PERNIOLA | Cosa succede quando nello studio di un luminare della psicoterapia si incontra un gruppo di pazienti che soffre di disturbi ossessivi...

Come sfuggire al destino del tacchino secondo Emanuele Aldrovandi

ENRICO PASTORE | Ha debuttato al Teatro Gobetti di Torino L'estinzione della razza umana, il nuovo lavoro drammaturgico e registico, di Emanuele Aldrovandi. Il titolo inquietante...

L’arida gabbia della mente: Il misantropo secondo Leonardo Lidi

ENRICO PASTORE | Deitaro Suzuki, maestro Zen, per mostrare ai suoi allievi l'azione nefasta dell'ego, disegnava un cerchio in cui figurava solo una piccola...