fbpx
mercoledì, 8 Febbraio, 2023
Tags Silvia albanese

Tag: silvia albanese

Ripartire dalla prossimità e dalle periferie: 90/91 Shall we dance?

VALENTINA SORTE | La 90/91 è la linea più lunga di Milano. Percorre la circonvallazione esterna, in senso orario e antiorario, in tutto 40...

Diario coreografico – Memoria #1.1 – Restare e ricominciare da FOG Triennale Milano

SILVIA ALBANESE | Hai rispettato (il più possibile) il coprifuoco. Ti sei rifugiata nel ricordo dell'ultimo spettacolo visto, dell'ultimo viaggio e dell'ultimo festival. Sentivi...

Diario coreografico – Memoria #5 – FOOD, può contenere tracce di… te

SILVIA ALBANESE | Ravenna, 14.09.19Essere a Ravenna e pensare all’estate, in questa parte della Romagna in cui si respira la danza, si...

A Interplay una riflessione sul ruolo dei festival di danza contemporanea – parte I

SILVIA ALBANESE | Dal 21 al 30 maggio la diciannovesima edizione del festival torinese Interplay, diretto da Natalia Casorati, ha offerto...

Diario – Memoria #4. Pessimismo e banane: Kingdom di Agrupación Señor Serrano a FOG

SILVIA ALBANESE | Milano, 23.05.19 Non si tratta di rappresentazione, ma di narrazione. Agrupación Señor Serrano utilizza un dispositivo narrativo, e...

Diario coreografico – Memoria #3 – Giovanfrancesco Giannini e Collettivo Munerude a FOG Triennale Milano Performing Arts

SILVIA ALBANESE | Milano, 19.05.2019 1.0. L'abbondanza, la bulimia. Il racconto di FOG Triennale Milano Performing Arts 2019 è anche un...

Diario coreografico – Memoria #2 – Seeking Unicorns di Chiara Bersani

SILVIA ALBANESE | Milano, 06.04.19Il 23 marzo faccio ritorno a Pisa. Un viaggio nella più antica delle mie città radice, quella in...

Manifesto di una diarista coreografica – Memoria#1

1. L’interesse è verso le pratiche artistiche da cui si genera una riflessione sul corpo 2. Scrivere un diario genera benessere 3. Il diario permette l’immersione 4. Il principio è la relazione 5. Tra un’opera o una pratica artistica e chi la osserva o vi partecipa, si genera sempre un dialogo 6. In assenza di dialogo l’opera è muta, o è morta
- Advertisment -

Most Read

Il seme della violenza di Bruni / Frongia che diventa seme di speranza

CHIARA AMATO | Un efferato omicidio avvenuto nel 1998 a Laramie, Wyoming, attirò l'attenzione della compagnia Tectonic Theater Project che, guidata da Moisés Kaufman,...

Il Mulino di Amleto: uno sguardo alla poetica recente, fra semiotica e tecnologia

RENZO FRANCABANDERA | La compagnia diretta da Marco Lorenzi prende il nome dal celebre libro Il mulino di Amleto. Saggio sul mito e sulla struttura...

PRIMAVERA PAC – Antigone e i suoi fratelli: l’amore come rivoluzione nella lettura di Vacis e PEM

CAMILLA TESTORI* | Antigone di Sofocle, uno dei testi più amati e discussi da millenni, continua a essere presente e centrale nelle scelte artistiche...

La vacuità tragica di un villaggio vacanza: Kronoteatro “In crociera”

ELENA SCOLARI | Bisogna divertirsi. A tutti i costi. Di-vertere, volgere altrove la testa, deviare dalle preoccupazioni, dai pensieri. Come se sabbia, sole, mare...